Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘libertà’

La data odierna mi porta ad abbandonare per un giorno l’oggetto del mio blog per prendere un aereo ideale che mi porti indietro nel mio paese, l’Italia.
L’unico giorno in cui vale davvero la pena di vivere in Italia è oggi, 25 aprile. Il corteo, i colori, le bandiere della pace, i concerti, i giovani dei centri sociali. Oggi si festeggia l’anniversario della Liberazione!

Per coloro i quali non sono italiani e per cui non conoscono il significato di questo giorno, vorrei fare un breve riassunto, che può essere utile anche per coloro i quali hanno la memoria corta.

Il 25 aprile 1945 è la data in cui il CLNAI (comitato di liberazione nazionale alta italia), organo di comando e associazione di tutte le forze contrarie al fascismo proclamò l’insurrezione armata di tutte le forze partigiane contro i fascisti ed i nazisti, al termine della seconda guerra mondiale.
Nei giorni seguenti terminò per l’Italia l’incubo di una dittatura fascista durata vent’anni e l’orrore di una occupazione militare tedesca e di una guerra civile che per due anni insanguinò la nazione. L’Italia ritornò democratica grazie allo sbarco alleato ma non solo. Ma quello che ci salvò dalla vergogna e dalla infamia di una guerra crudele combattuta al fianco dell’avversario piu’ bestiale, furono ragazzetti tra i 15 e i 30 anni, molti di loro morti a fianco del proprio fucile, al fianco ai propri compagni o dopo l’ennesima prova di coraggio dopo avere resistito alle peggiori torture perpetrate da fascisti e nazisti. A volte abbiamo bisogno di retorica per cui ricordiamoci che se abbiamo la possibilità di votare, di partecipare, persino di parlare e scrivere lo si deve a quei giovani, uomini e donne, che a vent’anni si presero le pallottole sulle montagne; non dimentichiamocelo mai.

Uno dei ricordi piu’ belli di tutte le manifestazioni del 25 aprile a cui ho assistito è lo spettacolo di questi partigiani che in gioventu’ combatterono in montagna. Vecchi ormai, loro che mai ebbero una gioventu’ a causa della guerra; deboli, loro che a vent’anni combatterono contro uno degli eserciti piu’ forti del mondo; rassegnati forse, loro che misero a rischio la loro vita per un’Italia migliore e che tutto quello che vedranno al momento della morte sarà solo questa Italietta ingiusta e corrotta, che costringe giovani come erano loro quando combattevano col fucile, ad emigrare per un futuro migliore e per lasciarsi alle spalle l’ingordigia e l’arroganza dei potenti.

Il giorno 25 aprile 1945 centinaia di migliaia di partigiani scesero dalle montagne per liberare l’Italia. Forse quando un’altra Italia si formerà, o quando per lo meno nascerà una nuova speranza, anche tutti gli emigrati formatosi all’estero prendendo sberle ma anche lezioni di democrazia, di accoglienza e di civiltà, potranno tornare e dare anche loro un contributo forte per far rinascere lo spirito della lotta partigiana e creare una società piu’ giusta.

Metto qui sotto la canzone simbolo della Resistenza, si chiama “Bella Ciao” è una canzone che parla di fiori e di pace e che illustri nullità della politica attuale italiana hanno considerato vergognosa o addirittura da censurare.
Evviva la Resistenza!

Annunci

Read Full Post »