Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Natura’ Category

Anche la Svezia sta vivendo la sua estate infuocata. Qui a Jönköping la settimana scorsa si è registrata l’incredibile temperatura di 34 gradi. Poco male visto che qui in Svezia dovunque ti giri c’è un bel laghetto dove rinfrescarsi.

Il mese di luglio rappresenta quello che agosto è per noi in Italia. Tutte le scuole sono ovviamente chiuse (qui la parola esame di maturità è sconosciuta) ed i cittadini svedesi scelgono in prevalenza questo periodo dell’anno per gustarsi le meritate vacanze. Le spiagge sono piene, cosi’ come i caffè all’aperto , cosi’ come le gelaterie. In proporzione la Svezia è tra i primi consumatori di gelato, ma soprattutto di caffè al mondo. Cosi’ non è raro trovare svedesi che passano l’intera giornata a chiaccherare seduti in giardino davanti ad una bella brocca fumante di caffè bollente.

Ad agosto si ricomincia con la solita Svezia. Qui il ferragosto è un giorno normalissimo con studenti normalmente indaffarati nei primi giorni di scuola e i lavoratori alle prese con i primi mesi stagionali. Agosto, e non settembre, in Svezia è il mese dei ripensamenti sugli anni e sull’età.
Ma intanto non si parla d’altro che di estate. Il piacere che hanno gli svedesi nel gustarsi il caldo è impressionante. Non lo può di certo capire chi non ha mai provato l’esperienza di terribile inverno scandinavo.

Nessuno lavora in questo periodo, la nazione è decisamente tirata avanti dagli immigrati. Lo svedese medio è affacendato nelle tipiche attività estive: spaparanzarto su qualche spiaggia a godersi la tintarella ormai acquisita (ricordo che l’anno scorso, quando vennero i miei amici dall’Italia, mostravamo fieri la nostra italianità attraverso il biancore mozarella pallida delle nostre pelli. Ci si notava in tutta la spiaggia); su un prato e spendere l’intera giornata a leggere un libro o ad ammazzarsi di sudoku ; a mangiarsi un bel gelato in compagnia della famiglia o della morosa; a sistemare il giardino o il cortile; pensate che il “fai da te” da queste parti è addirittura considerato “divertente”! La città di Jònkoping, insomma, sprizza vita da ogni poro

Però, l’ultimo weekend son fuggito da questa Rimini scandinava per trovare un po’ di relax in campagna.

La campagna svedese è calma come un cimitero, ma a volte, ci si diverte di meno. Interi chilometri di strade deserte con ai bordi migliaia di ettari di boschi. E’ il vero contatto con la natura. E’ difficile trovare piu’ di 5 o sei macchine durante una breve gita fuori dalla città, è molto piu’ probabile incontrare una lepre che scappa o un cervo che saltella di qua e di là. O le tanto temute alci. Che però in questo periodo si tengono ben lontani dalla caldazza delle strade per spiaggiare i loro 400 chili di muscoli all’ombra di qualche alberello secolare.

Non è di certo un problema trovare un qualche laghetto dove bagnarsi. Ad ogni angolo, nascosto tra i boschi, si trova uno splendido lago ed un silenzio da favola. A volte sembra di appartenere ad un’altra epoca.

E questa è la vera protagonista della campagna svedese. La “stuga”. Casette rosse fatte prevalentemente di legno e tutte uguali dove gli svedesi amano passare i weekend lontano dalle “grandi” città. Vale davvero la pena un viaggio nella Svezia piu’ incontaminata

Annunci

Read Full Post »