Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2011

Nel mese di settembre Jönköping diventa la capitale europea della cultura. Le molte iniziative fanno competere la piccola cittadina svedese con le capitali della
cultura europea: Parigi, Roma, Berlino. Non cambierei la mia città con nessun
altro posto al mondo in questo periodo!

S’inizia con il cosiddetto  “Allmogemarknad”; si continua con la giornata della cultura, con eventi ed avvenimenti che durano per tutte le ventiquattro ore(o quasi) e che coinvolgono l´intera città per finire, a inizio ottobre, con l´imperdibile festival del cinema di Jönköping.
Quest´anno, e personalmente dubito mi potesse andare peggio visto i miei gusti,
il tema del festival sarà il Giappone.

Il primo evento a cui da buon svedese medio ho partecipato con entusiasmo, è stato l´”Allmogenmarknad”. Durante questo evento la città, o almeno una delle sue piazze, si trasforma e fa un bel balzo all´indietro di 150 anni, quando l’Italia ancora non esisteva e la Svezia era un  paese da cui si scappava a causa della fame e della tubercolosi.

L´obiettivo era quello di ricostruire un mercato cittadino come poteva apparire intorno al 1850. Non solo. L´atmosfera del mercato antico sarebbenstato un poco rovinato se sulle bancarelle si fossero venduti dvd, ipad e giochini della playstation. Quindi anche queste cercavano il più possibile di adattarsi alla giornata e di vendere prodotti che in pratica non hanno mercato da almeno cento anni. Il fatto che siano fuori mercato una ragione ce l´avrà pure, questo è il motivo per cui l´entrata costava circa 5 euro. Sponsorizzarsi con le vendite di pellicce di  lana di pecora, pane duro e altre zozzerie sarebbe stato alquanto complicato.

Devo dire che l´evento mi ha sorpreso in positivo. C´era una mezza locomotiva che faceva pochi metri di strada ma che aveva il suo perché, gente(attori) vestita come non avrei mai avuto il coraggio di vestirmi nemmeno 170 anni fa, con il loro bel frak e con le loro belle tube. Ma non solo.
La società del mercato era prevalentemente proletaria. E quindi pastori
con le capre, contadini trainati da enormi buoi, cavalli trainati da poveri
cocchieri che portavano i signori. Tutti questi animali, come potete
immaginare, portavano anche la loro bella quantità di merda. Ma immagino che un
cittadino di Jönköping del 1800 non si curasse troppo di finire con i piedi
nudi proprio sopra una fortuna di un quintale.

C´erano bambini dall´aspetto cencioso che suonavano violini agli angoli di strada (ma la grana intravista nei loro cappelli non era molto ottocentesca), spazi dedicati ai mestieri dove si mostrava il duro modo di lavorare di una volta. E poi strumenti antichi, numismatica ma anche riti come si svolgevano nel trapassato. Siccome il tema di quest’anno era il bambino, si è rappresentato un battesimo di una famiglia borghese benestante come si sarebbe svolto a quei tempi.

E infine anche rappresentazioni teatrali e concerti in cui si mostravano i giochi con cui ci si divertiva quando ancora non esistevano i computer ma soprattutto il calcio (ma come diavolo facevano senza pallone?).

Una bella iniziativa. Fate un giro da queste parti l´anno prossimo se vi capita…

Annunci

Read Full Post »

La tipica estate svedese é ormai ampiamente alle spalle. Un italiano che si trasferisce  in Svezia trova sempre qualcosa di cui lamentarsi quando si parla del tempo. Troppa pioggia, troppo fresco, troppo poco sole.

La mia estate al fresco è stata dura da sopportare, ma per la mia ragazza lo è stato anche di piú. Infatti, oltre la naturale fastidio per l´estate che non arrivava c´era un giovane vecchio in casa sua(io) che non faceva altro che lamentarsi del tempo(svedese) e del governo(italiano).

Il sollievo di tornare sotto il bel sole italico è stato immenso, più delle altre volte. Il rito di ogni viaggio di ritorno è quello di voltare il viso verso il sole non appena tocco il suolo italico, una sensazione meravigliosa. Ma la situazione è degenerata anche in questo idillio. Mi sono infatti trovato nel bel mezzo del caldo torrido africano, con un ventilatore che sparava solo aria ardente ed un letto caldo come un condotto vulcanico. Risultato: due settimane di lamentele con la mia ragazza al telefono.

Una cosa di cui però volevo parlare oggi era il rapporto degli svedesi verso il freddo. Il concetto che voglio dimostrare è che gli svedesi sono talmente abituati a vivere in un clima rigido e a temperature da brividi che anche quando finalmente la temperatura raggiunge livelli decenti, trovano comunque il modo di soffrire per il freddo. Farò tre esempi della mia esperienza personale per confermare la mia tesi:

1)Pieno luglio. Giornata non proprio torrida ma accettabile. Gli svedesi sono mezzi nudi a causa dei 23 gradi. Io mi accontento del fatto di poter finalmente lasciare il golfino a casa e uscire in maniche corte. Sfortuna vuole che debba andare, proprio quel giorno, a fare la spesa al supermercato. Appena entrato, vengo assalito da una raffica di aria condizionata da far rabbrividire. Sembra tornato di colpo l´inverno. I banchi frigo sono pompati a palla a mo’ di monito verso i poveri abitanti di Jönköping: “Ricordati che il freddo è sempre in agguato”. Non ho mai più fatto la spesa con le maniche corte.

2)Gli svedesi adorano le belle giornate e gradiscono soprattutto prendere il sole, ma non quando sono in macchina. Appena si presenta una bella giornata di sole, i finestrini non vengono più tirati giù. Niente gomito sul finestrino e musica tamarra sparata in giro per la città. Qui si apre solo il condizionatore. Al massimo. Non entrate in macchina con uno svedese d´estate, passerete gelidi momenti.

3)Quando il sole finalmente sconfigge la concentrazione di nuvole che giornalmente si accaniscono contro la Scandinavia, quando finalmente diventa piacevole sdraiarsi sull’ erba e leggersi un bel libro godendosi il sole tiepido, gli svedesi devono cercare per forza la sofferenza. E così a temperature che in Italia non sarebbero di certo considerate balneari, gli svedesi si buttano in acqua qualunque sia la temperatura dell’ acqua. I risultati sono grossi raffreddori, momenti di sofferenza e grandi brividi di freddo.

Read Full Post »